Chef del Benessere.

Un progetto la cui idea è nata in un momento di difficoltà. Una “missione” che mi sono promesso di iniziare una decina di anni fa. Ed eccomi qui, pronto a raccontarti una storia.

La storia di come è nato Chef del Benessere. Una mia personale storia. Ma sono sicuro che siccome mi stai leggendo questa storia è anche un pò la Tua.

chef del benessere

MA FACCIAMO QUALCHE PASSO INDIETRO..

Ho sempre amato la cucina nella sua totalità, nella sua completezza. Ogni giorno della mia vita l’ho dedicato a studiarla in ogni sua sfaccettatura. Ed è con questa visione totale, ma proprio per questo troppo limitata, della cucina che sono cresciuto. Sia d’età che di conoscenze.

Nelle prime esperienze lavorative si è spensierati, sembra tutto un bellissimo gioco, ed è stato così anche per me.

Avere la possibilità di cucinare al fianco dei più grandi Maestri della cucina internazionale era un sogno che si realizzava. E io, in quelle cucine, nelle migliori del Mondo, c’ero e vivevo il mio sogno assieme a decine e decine di colleghi di ogni nazionalità.

Ma, a volte, capita di svegliarsi di colpo. Come quando qualcuno ti lancia addosso dell’acqua ghiacciata proprio mentre dormi.

Ed è in quel momento, quando ci si sveglia, che i sogni sembrano davvero finiti per sempre.

Già. Sembrano finiti. Ma, invece, credimi. E’ proprio in quel preciso istante, quando sei a terra e ti rialzi, che i sogni iniziano ad avverarsi.

QUALE FU, QUINDI, LA SCINTILLA CHE DIEDE VITA ALL’IDEA DI CHEF DEL BENESSERE?

idea

Se ora ripenso a quale fu la mia doccia fredda, quella che mi ha davvero svegliato, la vedo (e la sento) come se fosse successa ieri. E, invece, sono già passati più di dieci anni.

Stavo  mangiando in un ristorantino davvero bello, un piatto di risotto così buono che ne sento ancora il profumo nell’aria.

Ero a tavola con un mio caro amico e collega. Uno Chef di livello, ma soprattutto una persona piacevole, sempre sorridente e di un’umanità disarmante.

Ad un certo punto, mentre mangiavamo tranquilli, parlando del più e del meno, il mio collega in maniera improvvisa si sentì male. In pochi secondi accadde tutto.

Lui cadde dalla sedia e si accasciò a terra.

Ricordo come se fosse ora il mio stato d’animo e la paura delle ore successive.

Fortunatamente quel giorno, in sala, mangiavano anche due medici che aiutarono il mio amico fino all’arrivo dell’ambulanza. I medici dell’ospedale mi dissero che a far rischiare di morire il mio collega era stata una gravissima forma di allergia alimentare, e quindi uno stupido errore di disattenzione di chi era in cucina in quel momento.

Una disattenzione, la mancanza di competenze del cuoco e una allergia avevano quasi ucciso il mio amico. Credimi. Mi si gelò il sangue nelle vene.

E fu proprio in quel preciso istante di dieci anni fa che mi feci una promessa. Dissi a me stesso che se il mio collega si fosse ripreso avrei cambiato completamente la mia visione di cucina.

Mi promisi che mi sarei dedicato anima e corpo allo studio di tutto quello che riguarda la cucina per celiaci, allergici, diabetici, intolleranti.

Per fortuna il mio collega si è ripreso completamente e sta bene.

E negli ultimi dieci anni questa promessa è diventata una vera e propria missione che ha aiutato centinaia di persone che vivevano nella paura del cibo perché allergici e non capaci di cucinare.

ECCO, QUINDI, IL PERCHE’ DI CHEF DEL BENESSERE.

cheesecake

E’ stata la vicenda del mio collega a far scattare in me la scintilla che ha acceso l’idea che ha dato vita a tutto. Perché io, dopo dieci anni di errori, successi, sconfitte, vittorie, test, studio e pratica sul campo so che non solo si può mangiare piatti deliziosi anche se si è celiaci, diabetici, intolleranti o allergici.

Ma lo si può, soprattutto, fare risparmiando migliaia di euro all’anno di prodotti alimentari industriali e preparando tutto con le proprie mani. Attenzione però. Essere capaci di cucinare non è solo un semplice risparmio di soldi, ma prima di tutto la soluzione per sapere cosa si sta mangiando e per farlo in totale sicurezza e senza stress.

Quello che voglio dirti in questo momento è che se mi seguirai in questo viaggio ti mostrerò passo passo e giorno dopo giorno come sia facile imparare a cucinare qualsiasi piatto. E ti mostrerò come farlo in modo che possano mangiarlo davvero tutti.

Il mio obiettivo è quello che qualsiasi persona (esatto, tutti, quindi anche Tu!), possa imparare a cucinare piatti per celiaci, allergici, diabetici, intolleranti come un vero Chef, anche senza aver mai cucinato nulla prima d’ora.

E credimi, se seguirai tutto il materiale che metterò a disposizione qui e nella mia pagina facebook sarà davvero più facile di quanto immagini.

Io la via la conosco bene. Ora, scegliere se volerla percorrere assieme a me dipende solo ed esclusivamente da Te.

Che ne dici? Ti aspetto in cucina! 😉

firma